Quegli specchi dove tutti abboccano

Fario, iridea, martora e salmerino. Le acque
cristalline del torrente Avisio, dei suoi affluenti e
di alcuni laghi alpini fassani sono ricchi di
pesce. Un richiamo irresistibile per i pescatori
che possono praticare lo sport preferito, oltre
che lungo l’Avisio, anche al lago delle Pozze, al
San Pellegrino, al lago formato dalla diga del
Fedaia e in quello della diga di Pezzè a Soraga.
Per pescare, però, è necessario munirsi di
permesso giornaliero rilasciato dall’Associazione
Pescatori Val di Fassa (costo 16 euro), che
autorizza la pratica nelle località indicate.
L’elenco degli esercenti che rilasciano la licenza
è disponibile negli Uffici Turistici. I bambini e chi
desidera divertirsi con canna e lenza può
dedicarsi alla pesca sportiva al “Laghetto ai 5 Pini” a canazei
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento